Foglie autunnali cadute a terra

Dove buttare foglie e fiori secchi?

SCOPRI DOVE BUTTARE LE FOGLIE CHE IN AUTUNNO RICOPRONO I NOSTRI GIARDINI. E SE NON HAI VOGLIA DI RACCOGLIERLE, ECCO COME UTILIZZARLE

Siamo ormai in autunno inoltrato, le foglie cadute dagli alberi con i loro colori tra il giallo e il marrone sono molto pittoresche e romantiche. Ma ecco che cadute a terra, dopo le prime piogge, rischiano di essere pericolose e perdono tutta la bellezza di quando erano sugli alberi. A questo punto una domanda sorge spontanea: una volta ripuliti gli spazi aperti, come giardini e strade, dove buttare le foglie e i fiori secchi e appassiti? In questa breve guida ti daremo tutte le risposte che stai cercando.

Foglie e fiori secchi? Se sono poche, ecco dove buttarle 

La risposta alla domanda dove vadano buttate le foglie secche e i fiori una volta appassiti dipende dalla quantità di scarti verdi che di cui dobbiamo disfarci. Se si tratta di piccole quantità possiamo conferirle direttamente nella raccolta dell’umido-organico. Rappresentano, infatti, un materiale deperibile e naturale che può facilmente trasformarsi in compost. Per farci un’idea più concreta se sia possibile buttare nell’umido, le foglie, i rami e i fiori, prendiamo come unità di misura il sacchetto della raccolta dell’umido-organico. È conferibile nel bidone dell’umido solo quello che riesce a starci all’interno. E nel caso in cui le quantità fossero superiori? Allora in questo caso dovremo seguire una regola differente.

E se sono tante? Non vanno nell’umido…

Quando dobbiamo conferire grandi quantità di sfalci verdi, l’umido non è la destinazione corretta. Saranno, infatti, da conferire nei cassoni per le sterpaglie e il verde, appositamente messi a disposizione dal comune. È bene controllare sul sito del proprio comune le regole attive nella zona di residenza. Talvolta, infatti, è necessario recarsi all’isola ecologica più vicina per poter conferire questi scarti.

NON HAI VOGLIA DI RACCOGLIERLE? ECCO I BENEFICI DELLE FOGLIE SECCHE PER IL NOSTRO GIARDINO

C’è però anche una strada alternativa. Nel caso in cui le foglie non siano di intralcio e non risultino pericolose, soprattutto se umide, possiamo decidere di non buttarle ma lasciare che si decompongano naturalmente nel nostro giardino. Le foglie rappresentano, infatti, un ottimo nutriente per il prato e un fertilizzante per l’orto. È possibile, inoltre, adottare la tecnica della pacciamatura che consiste nel proteggere la terra nei mesi più freddi dell’anno coprendola con le foglie secche. Questa rappresenta, infatti, un’ottima coperta per affrontare il gelo.

Le potenzialità delle foglie secche non finiscono qui. Infatti, se le conserviamo in un angolo del nostro giardino, aiuteremo piccoli animali e insetti a trovare casa e a far sì che si trasformino durante i mesi freddi da larve a pupe o crisalidi per farfalle. Insomma, meno fatica per noi e più benefici per l’ambiente.