RITORNO IN CITTÀ, COME AIUTARE I BAMBINI A PREVENIRE L’ANSIA PER IL RIENTRO A SCUOLA

Bambino a scuola con un giornale in testa

Con il rientro in città, ecco alcuni consigli per evitare stati d'animo negativi e la tipica depressione post vacanze estive nei bambini 

Il ritorno dalle ferie estive può essere traumatico per tutti i componenti della famiglia, in particolare per i più piccoli. Per i bambini infatti, abituati durante i mesi estivi alla spensieratezza ed ai giochi con i loro coetanei tipici del periodo vacanziero, il ritorno alla quotidianità insieme alla ripresa dell’attività scolastica può portare a generare stati di ansia e depressione. Come prevenire ed eventualmente affrontare le problematiche che possono sorgere al rientro in città? 

  • Come combattere l’ansia nei bambini 

I genitori svolgono un ruolo cruciale nel contenere l'ansia del loro bambino e nel modellare i loro stati di tranquillità, consentendo ai più piccoli di sentirsi più sicuri e compresi. È quanto affermato dalla dott.ssa Malie Coyne, psicologa clinica nonché autrice e docente presso il NUI Galway. In una sua recente pubblicazione*, la dott.ssa Coyne ha presentato un metodo che consente ai genitori di aiutare i propri figli a trovare questo difficile equilibrio tra fiducia in sé stessi e bisogno di supporto. La dott.ssa ha infatti sviluppato il “S.A.F.E. Chain of Resilience”, un modello che analizza il modo in cui il cervello di un bambino elabora le informazioni, utile per supportare eventuali ansie dovute al rientro a scuola. Il metodo “S.A.F.E.”, che deriva dalle iniziali delle parole Self-care, Anchoring, Feeling felt ed Empowerment, si rivolge direttamente ai genitori e si sviluppa in 4 parti: 

  • Cura di sé 

Se tuo figlio è ansioso, fermati e prendi consapevolezza di ciò che sta accadendo in lui. Come ti senti quando tuo figlio è ansioso? Quali messaggi potresti trasmettere nel modo in cui rispondi, con le tue parole e il linguaggio del corpo? Inspira gentilezza e trasmetti calma prima di rispondere al suo bisogno. Riflettere su come ti senti ti dà la possibilità di scegliere come reagire. Dare priorità alla cura di sé ti aiuta a sentirti più calmo e a fare scelte compassionevoli. 

  • Ancoraggio 

Nel bel mezzo di una situazione di tensione, mantieni la calma e usa tecniche di riduzione dello stress per aiutare a disperdere l'adrenalina che scorre in tuo foglio. Riconosci il ruolo di “ancora di salvezza” che svolgi per il tuo bambino in modo da aiutarlo a sentirsi sicuro e protetto. Usa "strategie di ancoraggio" come "agitare di proposito" per consentire al bambino di rilasciare la tensione accumulata attraverso già il solo movimento, ad esempio saltando o svolgendo attività fisica. Crea una "scatola rilassante" di giocattoli per coinvolgere i sensi del tuo bambino mentre va a scuola. Nessuno può essere spaventato e giocoso allo stesso tempo! 

  • Sensazione avvertita 

Se tuo figlio condivide una preoccupazione con te, ascolta i suoi sentimenti e conferma la sua esperienza ("Ti senti un po' nervoso per... "). Rispondi calorosamente e disinnesca la fonte della loro preoccupazione ("Quale parte ti preoccupa di più?"). Supportarli nei loro sentimenti è un passo importante per aiutarli ad andare avanti ("Sembra davvero difficile per te"). Anche se è allettante provare a "fermare" l'ansia di tuo figlio attenuandola o risolvendo i suoi problemi, ciò di cui ha bisogno da te durante un momento di ansia è "sentirsi" veramente compreso e capito. Cerca di vedere l'ansia di tuo figlio come un'opportunità per entrare in contatto con lui. 

  • Potenziamento 

Riflettere su come ti senti e aiutare tuo figlio a sentirsi sicuro e connesso può trasmettergli un senso di controllo nella gestione della sua ansia. Sebbene comprensibilmente i genitori vogliano risolvere il problema subito, è solo quando tuo figlio si sente sicuro e connesso che è in grado di risolvere il problema. Parla con tuo figlio di come l'ansia influisce sui suoi pensieri, sentimenti (ad es. preoccupazione, stress), sensazioni corporee (ad es. mal di pancia, affanno) e comportamento (ad es. voglia di isolarsi). Chiedi loro di disegnare un'immagine di come appare la loro ansia. Crea insieme a loro una "scala della paura", in cui tuo figlio affronta le sue paure a piccoli passi, lodandolo per la sua capacità di padroneggiare questo sentimento. Dare potere a tuo figlio significa trovare un equilibrio tra l'empatizzare con le sue preoccupazioni e l'incoraggiarlo ad affrontare le sue paure ("Credo che tu possa farcela. Hai già gestito cose difficili e lavoreremo insieme su questo"). 

Bibliografia 

* Dr. Malie Coyne “Love in, Love out: A compassionate approach to parenting your anxious child” (HPI, 2020) 


ALTRE NEWS