Buono a Sapersi!

Ti piacciono i nostri articoli? Iscriviti per rimanere sempre aggiornato e scoprire quelli pensati apposta per te e la tua famiglia

I Codici Sconto

Accedi o Registrati per scoprire i codici sconto attivi per i tuoi acquisti online! 

I Buoni Sconto

Iscriviti subito per scaricare i Buoni Sconto disponibili sui tuoi prodotti preferiti! 

Tante Buone Ricette

Iscriviti per scoprire tante buone ricette che abbiamo pensato per le tue esigenze e quelle di tutta la tua famiglia!

Iscriviti a Buona La Vita

Tanti BUONI consigli e ricette pensate per te, insieme a tante promozioni e sconti per te e la tua famiglia!

Torna indietro
fetta di pastiera napoletana

Come conservare la Pastiera Napoletana

Ricetta tipica della tradizione campana la Pastiera Napoletana è un dolce ricchissimo. Ogni famiglia possiede la propria ricetta anche se ci sono alcuni punti saldi per tutte le varianti. Un guscio di pasta frolla viene farcito con cremosa ricotta, grano cotto nel latte, zucchero e, ovviamente, uova. Non manca chi inserisce frutta candita e chi aggiunge aromi come cannella, vaniglia o la preziosissima acqua di Neroli. Ogni città rivendica piccole varianti, aggiunte più o meno insolite di ingredienti tradizionali.

Storia della Pastiera Napoletana

La Pastiera è un dolce dalla storia antichissima, che pare si possa far risalire ai culti precristiani della dea Cerere e alle offerte votive che le si facevano a inizio primavera. La ricetta della Pastiera Napoletana viene attestata, per la prima volta, in uno scritto di fine 1600 Lo scalco alla moderna di Antonio Latini. Quando si parla di pastiera in testi di quell’epoca ci si riferisce, infatti, a una preparazione tra il dolce e il salato arricchita abbondantemente da spezie.

Preparare la pastiera, richiede una certa dimestichezza in pasticceria, occorre del tempo e bisogna seguire la ricetta passo passo. È per questo che spesso si realizza ripieno in abbondanza e si cuociono più pastiere per tutta la famiglia. Se siete tra coloro che hanno avuto la fortuna di ricevere in dono una pastiera o se avete scelto di produrne in quantità in casa vi starete chiedendo come conservare la pastiera. Ecco alcuni preziosi consigli per non sbagliare.

Conservare la pastiera a temperatura ambiente

Mentre completa la sua cottura in forno, pensate a come si conserva la pastiera. Come prima cosa sfornatela e lasciate la tortiera a temperatura ambiente. Siccome la farcia è molto morbida, non sformatela fino a che non è completamente raffreddata. Il ripieno, prima leggermente fluido, dovrà solidificarsi completamente. Solo una volta fredda potrete toglierla dalla tortiera con delicatezza. Utilizzate un piatto da portata per servirla in tavola assicurandovi che abbia il fondo piatto. Se intendete consumarla per pranzo o per cena potete conservare la pastiera napoletana lasciandola a temperatura ambiente fino a 6 ore. Scegliete un luogo fresco, lontano da fonti di calore, coprendo la pastiera con una velina. Se invece vi chiedete come conservare pastiera napoletana per più tempo ricordate che dovrete spostarla in frigo.

Come si conserva la pastiera napoletana in frigo

La pastiera va conservata in frigo se intendete consumarla qualche giorno dopo la sua cottura. In questo caso assicuratevi di avere abbastanza spazio in frigo per inserire la torta in un contenitore con chiusura ermetica. In questo modo il dolce non assorbirà gli odori e non verrà asciugata dalla convezione del frigo. Conservata in questo modo, la pastiera napoletana può essere servita fino a 4 giorni dopo. Ricordate di spolverizzarla con lo zucchero a velo solo prima di portarla in tavola in modo da non farlo inumidire. Ovviamente potete riporre in frigo anche fette di pastiera a patto di seguire questi stessi consigli.

 Pastiera napoletana: come si conserva in freezer? 

La pastiera napoletana si può conservare anche in freezer. Se intendete congelarla da cruda, ricordate che gli ingredienti non possono essere ricongelati, quindi utilizzate ingredienti molto freschi per la sua realizzazione. Potete congelare anche solo il ripieno a patto di inserirlo in un contenitore ermetico. Se invece volete congelare l’intero dolce, una volta pronta la pastiera, assicuratevi di avvolgerla completamente con della pellicola per alimenti e di riporla in freezer nel fondo di un cassetto in modo da garantire un congelamento uniforme e in piano. Solo quando sarà completamente congelata, potrete spostarla se avete bisogno di recuperare spazio. Non superate i 2 mesi di conservazione e quando dovete prepararla lasciatela scongelare in frigo prima di infornarla. Se invece volete congelarla quando è già cotta consigliamo di inserirla all’interno di un contenitore ermetico in modo che all’interno del congelatore non assorba odori. Non lasciatela in freezer per più di 3 mesi e lasciatela scongelare completamente prima di consumarla.

Benvenuto su Buona La Vita,
iniziamo a conoscerci meglio
Logo segno maggiore in bianco su cerchio celeste
Siamo spiacenti ma il servizio è temporaneamente non disponibile! Torna presto a trovarci su Buona La Vita!
Attenzione
Per salvare i tuoi preferiti devi prima aver effettuato l’accesso:
Ricorda che per scaricare i buoni sconto va effettuata la registrazione a Buona la Vita.
Ricorda che per inserire il codice sconto va effettuata la registrazione a Buona la Vita.
Complimenti!
Ricorda che per inserire il codice sconto va effettuata la registrazione a Buona la Vita.
Ricorda che per inserire il codice sconto va effettuata la registrazione a Buona la Vita.