Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Il caldo si combatte anche a tavola

Il caldo si combatte anche a tavola

Il clima estivo, soprattutto nelle grandi città, è contraddistinto da temperature elevate e tassi di umidità alle stelle. Quali sono le conseguenze sul piano fisico? Sensazione di spossatezza, eccesso di sudorazione (che mantiene costante la temperatura corporea), appetito ridotto e scarso riposo notturno (non facilitato dalle zanzare). Questa situazione è particolarmente accentuata soprattutto nella terza età, quando l’organismo è più delicato.

D’estate è opportuno mettere in atto comportamenti adeguati, dettati dal buon senso: per esempio evitare di uscire di casa nelle ore più calde della giornata, non fare sforzi fisici particolari, munirsi di zanzariere, etc.

Le conseguenze del clima caldo e afoso si possono combattere anche a tavola.

La prima regola è bere molta acqua, possibilmente non gassata (per evitare la sensazione di peso allo stomaco), in modo da ristabilire l’equilibrio idro-salino alterato dalla sudorazione eccessiva. Il quantitativo ideale? Circa 2 litri, ridistribuiti a intervalli regolari nel corso della giornata.

Le bevande alcoliche andrebbero evitate perché, causando una dilatazione dei vasi sanguigni, incrementano la sensazione di calore e la sudorazione.

Dal punto di vista alimentare è bene privilegiare i cibi leggeri e ipocalorici, per non impegnare l’apparato gastrointestinale in un laborioso processo digestivo.
E’ inoltre meglio preferire il pesce, meno calorico e più digeribile, alla carne. Ottimi anche gli alimenti cucinati al vapore o al cartoccio, che non richiedono l’aggiunta di grassi; i cibi fritti andrebbero invece evitati.

Attenzione anche ai cibi piccanti e ipercalorici, difficili da digerire e metabolizzare.

Grazie al loro apporto di acqua, vitamine e sali minerali, largo alla verdura e alla frutta. Per consumarle al meglio – preservandone il patrimonio vitaminico – meglio acquistarle spesso e in piccoli quantitativi.

Alcune idee per il loro utilizzo? Dai passati di verdura da consumare freddi, ai centrifugati di verdure fino ai frullati a base di latte scremato e frutta a volontà: oltre a essere gustosi e rinfrescanti, non creano alcun problema di masticazione.

In questa stagione è molto indicato anche il gelato, soprattutto se alla frutta: è un vero e proprio mini-pasto completo che – oltre a essere rinfrescante, abbassando la temperatura corporea - fornisce tutti i nutrienti principali ed è una buona fonte di calcio.
Le occasioni di consumo del gelato sono molteplici: può costituire un pranzo alternativo, un’ottima merenda a metà pomeriggio oppure, dopo un pasto leggero, un goloso dessert.

Vuoi scoprire tutto il gusto di un gelato sano (perché preparato con tanta frutta e latte fresco pastorizzato), ideale per combattere gli effetti delle alte temperature? Clicca qui.

Nel corso della giornata, in alternativa al caffè, possiamo concederci unabevanda a base di orzo: è nutrientedissetante se servita fredda e, al contrario del caffè, possiamo berla anche prima di andare a dormire. Per scoprire una serie di ricette, visita www.orzoro.it

nmms
nmms