Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Zenzero: dal rizoma benefici e gusto in cucina

Il rizoma della pianta erbacea concentra benefici e gusto in cucina

I benefici dello zenzero
Tempo di lettura 
5 minuti

Originario dell'Estremo Oriente, apprezzato per le sue doti di benessere e gusto.

Lo zenzero è apprezzato in tutto il mondo non solo per il sapore, ma anche perché fonte di benessere. Della pianta erbacea (Zingiber officinale roscoe) originaria dell'Estremo Oriente, si utilizza fresco o essiccato il rizoma, ovvero quella parte del fusto ingrossata che cresce orizzontalmente sotto terra. Nel rizoma, infatti, sono concentrati tutti i principi attivi e aromatici della pianta, comprese le molecole responsabili del gusto pungente e caratteristico, i gingeroli. Ma, prima ancora che per l’uso in cucina, lo zenzero è noto da millenni per le sue proprietà salutistiche. Iniziamo dall'effetto antinausea e antivomito: lo zenzero era storicamente un presidio fondamentale nelle marinerie di tutto il mondo, perché a dosi piuttosto elevate (almeno 1 grammo al giorno) permetteva di affrontare le traversate contrastando il mal di mare. Oggi, questa proprietà è riconosciuta dalla medicina ufficiale, che indica lo zenzero come rimedio alla nausea gravidica, efficace anche nel controllo del vomito post-operatorio. Ma lo zenzero ha ulteriori proprietà, apprezzate dalle medicine tradizionali orientali e sfruttate anche in occidente: l'attività antinfiammatoria è per esempio il motivo per cui si ricorre al salabat, il tè allo zenzero tipico delle Filippine, come rimedio per i sintomi da raffreddamento. La ricerca sta approfondendo oggi anche il versante antiossidante dello zenzero, oltre al potenziale effetto antipertensivo. Una precisazione è infine opportuna: il consumo di zenzero è sconsigliato a chi soffre di gastrite e bruciori di stomaco, perché aumenta la secrezione gastrica. Inoltre, chi assume antidiabetici, o antiaggreganti, o anticoagulanti dovrebbe evitare lo zenzero, per scongiurare il rischio di possibili interazioni.

I benefici dello zenzero nelle ricette in cucina

Lo zenzero in cucina

Tisana con zenzero e limone

Com'è stato precisato, lo zenzero è originario dell'estremo Oriente. Ecco perché è da sempre utilizzato nell'alimentazione giapponese: il rizoma, tagliato a fettine sottili, viene conservato sottaceto o in agrodolce e servito come accompagnamento al pesce crudo. Nell'area mediterranea, invece, è più frequente l'uso dolce dello zenzero, preparato come candito. Per lo zenzero essiccato, l'uso fondamentale è per i prodotti da forno: ben noti sono i biscotti e i dolci di Natale, molto popolari nei paesi del Nord, sia europei, sia nordamericani (Stati Uniti e Canada). Inoltre lo zenzero può essere aggiunto come ingrediente anche al cioccolato fondente, o costituire la base per tisane digestive e calmanti, in caso di infiammazione delle mucose del cavo orale e della faringe. Infine, lo zenzero è la base per la preparazione di bibite (Ginger Ale).

 

nmms
nmms